Notizie

Domani apre il ghiacciaio del Presena Tonale, ma solo per gli atleti

Domani apre il ghiacciaio del Presena, ma solo per gli atleti
Come annunciato a febbraio, il ghiacciaio del Presena, al Passo del Tonale, domani aprirà gli impianti di risalita. Nessuna illusione per i turisti, fin quando non uscirà il nuovo decreto, le regole non cambiano.

A tale proposito meglio fare chiarezza perché in effetti la situazione non è limpidissima. Qualcuno riteneva che con la scadenza del DPCM del 4 marzo  che prevedeva la chiusura degli impianti fino al 6 aprile, fosse automatica l’apertura. Invece non è così, perché il 2 aprile la chiusura è stata prorogata fino al 30° aprile. Questa la risposta del Governo: Art. 1, comma 1 del DL n. 44 del 1 aprile 2021: dal 7 aprile al 30 aprile 2021, si applicano le misure di cui al provvedimento adottato  in  data  2  marzo  2021,   in   attuazione dell’articolo 2, comma 1, del decreto-legge 25  marzo  2020,  n.  19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22  maggio  2020,  n. 35, salvo quanto diversamente disposto dal presente decreto”.

A quel punto sì, scadrà a meno che non ci sia una nuova proroga. Nulla conta, dunque, il colore della Regione, per cui il giallo non cambia le carte in tavola. Lo sci continua ostinatamente a rimanere interdetto agli appassionati. Anche in misura dei protocolli approvati dal CTS. Anche se si pratica all’aperto. Anche se, se se…

Non mi farei troppe illusioni“, dice Davide Panizza, presidente della società Carosello che gestisce gli impianti del Presena e del Passo del Tonale. “Non c’è nulla di ufficiale, ovviamente, ma la mia sensazione è che fino a giugno non se ne parlerà. Cioè, finirà tutto nei protocolli di aperture estive, per la montagna e i ghiacciai. Dunque al Tonale non interessa perché il Presenza rimarrà aperto fino al 20 maggio, giorno più, giorno meno. Nel caso invece gli impianti potranno aprile dopo il 1° maggio noi siamo prontissimi con tutti i protocolli del caso”.

Attualmente il Presena è accessibile, come da regolamento, per il 30% del contingentamento ordinato dal CTS. La portata oraria della funivia Paradiso è di 1.500 persone, quindi parliamo circa di 600 persone. Diversi sci club hanno già prenotato. Il sistema funziona come per i ghiacciai estivi. Bisogna prenotare la linea per poter tracciare. Il Presena è in grado di ospitare una quindicina di linee. Oppure, certamente, si può sciare in campo libero, ribadiamo, per il momento solo per gli atleti di interesse nazionale.

In virtù dell’opening di domani sono disponibili due strutture ricettive al Passo (forse ne aprirà una terza).

Il Negritella e la Torretta (qui sotto), la struttura di Omar Longhi che dice: “Finalmente potremmo ospitare qualche sciatore. Solo atleti ovviamente e coloro che sono impegnati nei corsi di formazione e aggiornamento maestri“.

Il direttore tecnico dello Sci Club Pejo Tonale (qui sotto) comunque spera in un’apertura allargata: “Incrociamo le dita, sarebbe un bellissimo segnale per il movimento. Noi siamo pronti anche come scuola Evolution. Speriamo dai.”.

Il costo dello skipass varia, in base all’età, tra i 20 e i 30 Euro.

  Domani apre il ghiacciaio Domani apre il ghiacciaio

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.