Notizie

Gardena, la soddisfazione di Rainer Senoner, pensando ai Mondiali

Gardena, la soddisfazione di Rainer Senoner, pensando ai Mondiali
Nonostante le difficoltà, nei giorni scorsi la Val Gardena si è vestita a festa ed è stata felice di accogliere la Coppa del Mondo di sci alpino sulla Saslong per la 54esima volta.

La candidata italiana per i Mondiali di sci del 2029 ha brillato per un’organizzazione impeccabile, che ha permesso a tutti gli atleti, agli spettatori e allo staff di godere delle migliori condizioni e di un’atmosfera sicura durante la settimana di gare.

Vista la situazione causata dal Coronavirus, mettere in piedi le gare di velocità ai piedi del Sassolungo è stato tutt’altro che facile per gli organizzatori.

La situazione epidemiologica ha certamente reso difficile la preparazione della Coppa del Mondo. Tuttavia, negli scorsi mesi e nelle ultime settimane abbiamo elaborato un solido protocollo di sicurezza e abbiamo esaminato tutte le eventualità fino al più piccolo dettaglio. I risultati positivi degli ultimi giorni dimostrano che i nostri sforzi sono stati ripagati“, ha spiegato il Presidente del Saslong Classic Club, Rainer Senoner.

Il fatto che la settimana di gare, segnata dal ritorno sulle tribune dei tifosi, si sia svolta senza intoppi riempie Senoner di orgoglio.

L’anno scorso gli atleti hanno dovuto sciare davanti a tribune vuote, ma fortunatamente quest’anno abbiamo potuto accogliere nuovamente gli spettatori. Allo stesso tempo però le aree sciistiche e tutti i ristoranti quest’anno erano aperti e dunque la situazione per noi era nuova. Tuttavia, grazie alla perfetta collaborazione tra le persone coinvolte, tutto è filato liscio“, ha dichiarato il presidente del Saslong Classic Club.

L’impeccabile organizzazione delle gare di velocità è stata per la Val Gardena un primo biglietto da visita per i Mondiali di sci alpino del 2029.

Il nostro team ha fatto un ottimo lavoro,

sottolineando così che come organizzatori siamo pronti per un grande evento come possono essere i Campionati mondiali“, ha sottolineato Senoner.

Dopo le gare, il capo del Comitato organizzatore ha avuto solo parole di elogio per tutte le persone coinvolte direttamente e indirettamente nell’evento: “Vorrei ringraziare tutto lo staff, l’intera valle e anche la Provincia Autonoma di Bolzano per il loro sostegno. Senza l’aiuto di ciascuno di loro non sarebbe stato possibile organizzare delle gare così ben riuscite“.

Al termine della settimana di gare i feedback positivi sono arrivati non solo da Senoner ma anche dagli esterni all’organizzazione. Il Presidente della FIS Johan Eliasch, che quest’anno è stato ospite sulla Saslong per la prima volta, si è rivelato particolarmente entusiasta.

Devo confessare che ho fatto un errore. Sarei dovuto venire in Val Gardena molto prima. La zona qui è bella, la gente è ospitale e l’evento è molto ben organizzato“, si è lasciato sfuggire con entusiasmo Eliasch.

Le parole del Presidente della FIS sono la dimostrazione del fatto che il lavoro svolto in Val Gardena è apprezzato. Gli organizzatori hanno fatto così un passo avanti importante verso una candidatura di successo per i Mondiali di sci del 2029. Gardena Rainer Senoner Mondiali Gardena Rainer Senoner Mondiali s

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.