Notizie

Gli auguri della Valanga Rosa a Celina Seghi

Non potevano mancare gli auguri delle attrici della Valanga Rosa a Celina Seghi che oggi compie 100 anni. In realtà tutto era organizzato per dar vita a una bellissima festa all’Abetone nel week end. E  Claudia Giordani e Ninna Quario, in rappresentanza della valanga Rosa, avevano già preparato la valigia per la trasferta.

Poi ieri è arrivata la notizia piuttosto logica dell’annullamento, determinata anche dalla restrizioni del Governo in termini di eventi popolari. Ma c’è anche un altro motivo: Celina, dalla sua case all’Abetone aveva detto agli organizzatori: “Voi festeggiate pure, ma io me ne sto a casa, vorrei mai che qualcuno mi attaccasse il coronavirus“!

Ma tanto, anche se fosse, chi la butta giù la Regina delle Nevi!

La Valanga Rosa, dunque, non potendo abbracciarla direttamente ha inviato un messaggio scritto col cuore.

Si intitola, “A Celina, per i tuoi favolosi 100 anni”. Ecco il testo

“La nostra ammirazione senza tempo e confini. Il nostro affetto oltre le distanze e le stagioni. Le nostre discese seguendo le tue tracce disegnate sulla neve e nella storia. Il nostro amore per la montagna e la gioia della competizione. Grazie per la passione, il coraggio, la determinazione e la preziosa ispirazione con il più tenero abbraccio. Carissimi auguri

Le sciatrici della Valanga Rosa (1975-1985)

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.