Notizie

L’ottimismo di Doppelmayr nonostante il calo di fatturato (-12,5%)

L’ottimismo di Doppelmayr nonostante il calo di fatturato (-12,5%).
Doppelmayr Holding SE ha registrato un fatturato di 763 milioni di euro nell’anno fiscale 2020/21, che rappresenta un calo del 12,5% rispetto all’anno precedente.

Il valore della produzione è diminuito del 30% portandosi a 669 milioni di euro. Entrambi questi sviluppi sono attribuibili alla pandemia globale di Covid-19, che ha colpito il core business dell’azienda – gli impianti a fune per applicazioni turistiche alpine – in modo particolarmente duro.

Doppelmayr rimane comunque ottimista, anche se il Covid-19 continuerà ad avere un impatto nei prossimi anni. Tra i progetti portati a termine nell’anno fiscale 2020/21 vi sono importanti commesse come gli impianti a fune per i Giochi Olimpici invernali del 2022 a Pechino, la modernissima cabinovia trifune Eiger Express a Grindelwald e la più grande soluzione intralogistica nella storia dell’azienda. Un gran numero di nuovi sviluppi nella tecnologia funiviaria preparano il gruppo per il futuro.

Thomas Pichler, direttore esecutivo di Doppelmayr Holding SE, guarda al futuro con fiducia: “Abbiamo molti clienti che – come noi – credono che il turismo globale si riprenderà gradualmente e che stanno investendo nelle loro regioni proprio ora”. Inoltre, la sovvenzione statale agli investimenti dell’Austria sta creando incentivi per il futuro nel mercato principale del gruppo. In tutto il mondo, i mercati con un forte settore turistico interno come gli Stati Uniti o la Russia dovrebbero vedere una ripresa più rapida.

István Szalai e Thomas Pichler

Nuovi sviluppi nell’ingegneria funiviaria
Durante lo scorso anno, il gruppo Doppelmayr ha lanciato sul mercato un gran numero di nuovi sviluppi. La digitalizzazione ha giocato un ruolo chiave. Con la cabinovia Kumme a Zermatt, Doppelmayr ha introdotto AURO, un nuovo sistema per il funzionamento autonomo degli impianti a fune. La cabinovia non è presidiata ed è dotata di una tecnologia integrata all’avanguardia.

Un altro progetto visionario è stata la cabinovia trifune Eiger Express a Grindelwald. Essa combina il trasporto passeggeri e merci completamente automatizzato, in un unico impianto.

Ciò è reso possibile da un sistema di controllo intelligente che integra una soluzione intralogistica sotterranea, un robot di carico di nuova concezione e cabine funiviarie di grandi dimensioni. In termini di mobilità efficiente, questo apre nuove possibilità – ad esempio per le applicazioni urbane.

Una tendenza che è già evidente da tempo è che le destinazioni invernali si stanno muovendo verso esperienze turistiche per tutto l’anno. Doppelmayr, per supportare queste attività, ha nel suo portafoglio prodotti una serie di sistemi di trasporto per attrezzature sportive.

Eiger Express_Grindelwald

Alcuni esempi sono le opzioni per il trasporto di biciclette per l’accesso a piste ciclabili o per interi bike park. L’ultima innovazione è il Bike Cab per cabinovie. Questo garantisce un’elevata capacità delle funivie combinata con il massimo comfort per i passeggeri.

Il turismo colpito dalla pandemia
Le chiusure che hanno dominato l’anno scorso hanno colpito particolarmente il turismo. È stato soprattutto il turismo invernale, che tradizionalmente rappresenta circa il 50% del fatturato di Doppelmayr, a subire in alcuni casi flessioni significative, che hanno influito anche sulla disponibilità ad investire.

Sebbene il fatturato comprenda anche il completamento dei progetti acquisiti prima della pandemia, gli effetti sono visibili soprattutto nel calo del 30% del valore della produzione totale.

Ben equipaggiati per il futuro
“Anche se possiamo aspettarci di avere a che fare con la pandemia a livello globale ancora per qualche tempo, abbiamo tutte le ragioni per essere ottimisti“, dice Thomas Pichler, guardando all’anno fiscale in corso. “L’anno scorso abbiamo lanciato sul mercato un gran numero di innovazioni e nuovi prodotti. Abbiamo anche ampliato le nostre competenze digitali. A questo si aggiunge la crescente adozione degli impianti a fune come soluzione di mobilità urbana, sia in Europa che altrove. Una cabinovia Doppelmayr sta per essere costruita nella capitale francese, Parigi, per esempio. Anche il turismo sta mostrando segni di ripresa – la gente vuole di nuovo vivere la montagna e il tempo libero con le funivie, sia in estate che in inverno”.

Con il suo attuale organico, Doppelmayr si trova in una posizione stabile dopo il primo anno della pandemia. Ora più che mai, la formazione dei dipendenti – dagli operai specializzati agli oltre 100 apprendisti attualmente impiegati – rappresenta un importante investimento per il futuro.

Sviluppo sostenibile
Nello sviluppo dei progetti, gli ingegneri Doppelmayr attribuiscono grande importanza alla realizzazione degli impianti a fune in modo efficiente in termini di spazio e di risorse. In montagna, questo significa in particolare l’integrazione armoniosa delle funivie nel paesaggio e l’efficienza energetica, su cui il gruppo si concentra insieme ai suoi clienti.

Come modalità di trasporto urbano in città, i vantaggi delle funivie sono evidenti. La mobilità elettrica con zero emissioni di gas di scarico e occupazioni del suolo minime sono fattori importanti che danno alle funivie vantaggi significativi rispetto ad altri mezzi di trasporto in termini di sostenibilità.

Luenerseebahn (Vorarlberg) 

Doppelmayr ha sviluppato un calcolatore di CO2 che fornisce valutazioni del ciclo di vita (LCA) specifiche per ogni progetto, per rendere tutto ciò trasparente. Come risultato, è ora possibile un confronto oggettivo dei diversi mezzi di trasporto ai fini della mobilità urbana sostenibile.

Il gruppo Doppelmayr persegue un’ampia gamma di iniziative in tutte le sue sedi internazionali volte a lasciare una carbon footprint minima.

Garaventa, ad esempio, ha installato 2.122 moduli di energia solare a Goldau (Svizzera), che generano 620.000 kWh di elettricità all’anno. István Szalai, direttore esecutivo di Doppelmayr Holding SE, sottolinea le ultime iniziative di sostenibilità: “Anche altri siti come Gassner Stahlbau a Bürs (Austria), il nuovo edificio LTW e il sito Doppelmayr di Wolfurt (Austria) saranno presto dotati di impianti fotovoltaici per la produzione di energia rinnovabile.” L’ottimismo di Doppelmayr fatturato L’ottimismo di Doppelmayr fatturato

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.