Notizie

Marta Rossetti e un insolito slalom dell’estate

È normale da giungo a settembre diversificare molto il lavoro di preparazione, ma quello che racconta Marta Rossetti sembra un insolito slalom dell’estate.

I tecnici hanno infatti tracciato un programma molto variegato. Complice la mancata tradizionale spedizione a Ushuaia. Che normalmente impegna le squadra praticamente un mese.

Il programma, fatto salvo modifiche, inizia a prendere corpo domani allo Stelvio. “È per questo che sono stra felice – dice Marta. Non sciamo dai primi di marzo, normale non stare più nella pelle all’idea di risalire di nuovo in sella ai miei Head“.

Devo ringraziare la Fisi che è riuscita a trovare questa soluzione di riservare lo Stelvio un mese solo per le squadre nazionali. E tra l’altro saremo in contemporanea anche con la squadra Elite“.

I protocolli saranno ferrei:Dovremo utilizzare le mascherine in determinati ambiti e ognuno avrà la propria stanza“.

Il percorso tecnico di allenamento sarà così suddiviso: Allo Stelvio scieremo 12 giorni consecutivi. Poi faremo un blocco di atletica di due settimane al centro di Formia. Quindi riprenderemo a sciare a fine luglio e anche in questo caso credo  torneremo sul ghiacciaio dello Stelvio“.

Da fine agosto l’alternanza:Una settimana sulla neve e una a secco per un bel periodo. In questo caso, in teoria, dovremmo raggiungere i ghiacciai svizzeri. Ma credo sia troppo presto poterlo stabilire oggi con esattezza”.

La prima gara di Marta sarà lo slalom di Levi “Con una bellissima novità! raggiungeremo la località finlandese una settimana prima. Il che ci darà la possibilità di provare e studiare a dovere neve e pendio.

Ufficio stampa Energiapura

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.