Notizie

Oltre CPA, i numeri del cuore

Oltre CPA, i numeri del cuore.
7026 atleti hanno preso parte quest’anno a competizioni sul territorio nazionale col marchio Cancro Primo Aiuto Onlus sul petto! E senza considerare le ultime gare dei Campionati Italiani Giovai e Assoluti di velocità.

Quello che è riuscita a fare la parte sportiva di questa organizzazione no profit, nata per far del bene a chi più ne ha bisogno, è un record assoluto. Qualcosa di straordinario.

Anche perché, vale davvero la pena sottolinearlo, quelle presenze si sono anche concretizzate in posti alberghieri. E in una stagione dove tutto si è fermato, si è trattato di una piccola ma importantissima boccata di ossigeno per le strutture.

CPA ha organizzato, affiancandosi agli sci club locali, la bellezza di 48 gare del circuito Gran Prix Italia nelle quali si sono registrate 5.422 partenze! Un vero e proprio giro d’Italia che ha toccato Pfleders, Pozza di Fassa, Folgaria, Ravascletto, Bardonecchia, La Thuile, Passo S.Pellegrino, Gressoney, Val Palot, Sella Nevea, Roccaraso, Sestola, Prato Nevoso, Abetone e Sestriere, oltre all’atto finale dei Campionati Italiani Giovani di Santa Caterina.

Da sinistra, in piedi: Chicco Pedrini, Alfredo Caspani, Cristina Dei Cas “Sally”, Marco Furli, Eugenio Sosio, Claudio Canclini (un po’ nascosto),  Luca Confortola, Alessandro Pozzi, Tino Pietrogiovanna.
Accosciati, Matteo Confortola e Omar Galli.

Ma non è tutto, Cancro primo Aiuto ha organizzato direttamente 84 competizioni e tra queste quattro di Coppa Europa femminile e due maschili, Gli Assoluti, gli Italiani Giovani, e regionali children (Lombardia). Nello sci di fondo gli Assoluti sprint e team sprint e gli Italiani ragazzi. Tutto questo a Santa Caterina Livigno, Clusone e Schilpario.

Cristina Dei Cas “Sally”, assieme a Matteo Confortola (foto sotto), ha seguito tutte le gare del Gran Prix, Coppa del mondo, Coppa Europa, Fis… Tutto!

A tutto questo non si può evitare di aggiungere la parte tecnica organizzativa delle quattro gare maschili di Coppa del Mondo organizzate a Santa Caterina e a Bormio. Proprio a Santa, le immagini della fase preparatoria hanno fatto il giro del mondo. Un metro di neve fresca in pista, ma gare disputate ugualmente su un terreno presentato agli atleti a regola d’arte!

In cabina di regia c’è Omar Galli che è ha anche in mano la responsabilità delle gare di Coppa valtellinesi. Ma con lui uno staff che non si è mai tirato indietro anche dinnanzi a situazioni meteo difficili. In particolare Cristina Dei Cas, in arte Sally e Matteo Confortola.


La gara Cpa: vince Omar Galli (“Ho azzeccato la preparazione degli sci“), secondo Flavio Ferrari (“Mi avevano parlato di un gigante invece mi son trovato uno slalom!“) e Beppe Bonseri (“Ho esagerato con la colazione!“)

Sally e Matty hanno presenziato a tutte le gare del GPI occupandosi anche della comunicazione, immagini, riepiloghi, classifiche.

Tutto questo perché? Per il bene dello sport e di chi senza gli aiuti concreti della Onlus se la passerebbe senz’altro ancora peggio rispetto alla situazione in cui sfortunatamente si trova. Il progetto portato a termine è servito per raccogliere fondi utili alla causa.

L’incoronazione a Livigno di Marta Bassino agli Assoluti di Livigno. Da sinistra, Omar Galli, Barbara Zulian, Marta, Flavio Ferrari (Ad Cancro primo Aiuto Onlus) e l’Assessore lombardo Antonio Rossi.

Tra i numerosi amici che annovera CPA ce ne sono due particolarmente simpatici, Marta Bassino e Federico Pellegrino. Marta, vincitrice della Coppa del Mondo di gigante e Federico uno dei più grandi «sprinter» del mondo dello sci nordico, sono anche qualcosa di più. Prestano, infatti le loro gesta sportive come testimonial per offrire un ulteriore aiuto concreto alla diffusione del verbo Cancro Primo Aiuto.

A Livigno, in occasione dei Campionati italiani Assoluti di slalom e gigante tra Marta e la Onlus c’è stato un simbolico abbraccio. Flavio Ferrari AD di Cancro Primo Aiuto con a fianco Barbara Zulian (membro onlus), Omar Galli di Oltre CPA e Antonio Rossi (sottosegretario ai grandi eventi della Regione Lombardia), ha donato a Marta un riconoscimento.

Tino Pietrogiovanna e Omar Galli durante le gare di Coppa del Mondo disputate a Santa Caterina

Un po’ per la medaglia d’oro conquistata ai Mondiali di Cortina. Un po’ per la Coppa di Gigante sollevata verso il cielo di Lenzerheide, ma forse ancor di più per il suo grande cuore.

Per quanto sarà nelle nostre possibilità, Sciare sarà sempre a fianco di questo esempio di bontà.

Sul sito cancropirmoaiuto è possibile prendere atto di tutte le iniziative benefiche in cui si adopera una delle Onlus più amiche della neve e dello sci. Oltre CPA i numeri Oltre CPA i numeri

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.