Notizie

Tommy Ford, il quadro clinico è positivo

Arrivano a tarda ora ulteriori notizie sulle condizioni dell’americano Tommy Ford per il quale fortunatamente il quadro clinico è positivo.

La Federazione americana conferma che la botta presa alla testa e al collo non ha lasciato grossi problemi fisici. Il problema maggiore riguarda una gamba motivo per cui sono in corso ulteriori accertamenti.

Già nel pomeriggio erano arrivate notizie positive quando era stato comunicato che il 31enne americano aveva ripreso conoscenza e parlato con i sanitari.

La dinamica della caduta è stata davvero impressionante e piuttosto insolita rispetto a quanto accade solitamente. Una linea perduta, il tentativo estremo di recuperarla. E poi quel volo in avanti con la testa che tocca il terreno duro della pista.

Nella dinamica di quel brutto volo, il corpo ha iniziato a scivolare verso il traguardo senza alcuna reazione. E poco prima di fermarsi nelle reti ha falciato due addetti pista, che comunque non hanno avuto conseguenze. L’elicottero qualche minuto dopo lo ha trasportato in ospedale.

Ora speriamo che il recupero sia rapido almeno per poter tornare presto in pista. Sarebbe bello rivederlo protagonista al prossimo gigante. Quello dei Mondiali di Cortina! Tommy Ford il quadro

La caduta di Tommy Ford ad Adelboden nelle immagini di Eurosport

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.