Notizie Turismo

Un impianto eolico sulle piste di Serre Chevalier

Cosa ci fa un impianto eolico sulle piste di Serre-Chevalier? È successo questo: un anno fa, la SCV-Domaine skiable, una sussidiaria della Compagnie des Alpes, aveva annunciato l’istituzione di una vera e propria “rivoluzione energetica”. In sintesi si tratta di questo,  combinare pannelli fotovoltaici e micro turbine eoliche e l’energia idroelettrica per produrre il 30% del suo fabbisogno energetico prima del 2022.

Detto, fatto… i primi impianti nell’area sono già in grado di produrre più elettricità di quanto inizialmente previsto. L’implementazione continua quindi come previsto et voilà, ecco altri due nuovi impianti fotovoltaici installati.

Per quanto riguarda le micro turbine eoliche, i test condotti la scorsa stagione hanno permesso di approvare una soluzione in grado di resistere alle condizioni estreme di alta quota.

Si tratta in realtà di un’operazione gigantesca che coinvolge tutto il sistema elettrico del territorio. I pannelli fotovoltaici vengono continuamente installati sui tetti di tutto il resort, tra cui gli impianti di risalita, edifici di servizio, ecc. Da questa stagione in poi, 13 siti saranno operativi e produrranno 150.000 kWh / anno di potenza.

Inoltre, il freddo, l’altitudine e il riflesso della luce sulla neve hanno permesso una produzione  di elettricità superiore del 10% rispetto alle previsioni. Addirittura per alcuni siti si è superato i 25%.

Merito di una tecnologia fotovoltaica innovativa: i pannelli bipiedi. L’impianto eolico è alto meno di 12 metri, ha una capacità energetica di 10 kW e sa resistere a venti fino a 130 km / h. La messa a punto e l’installazione di un nuovo trasformatore più potente ora consentono uno sfruttamento ottimale dell’energia.

Il SCV-Domaine skiable, a metà ottobre 2019, ha installato una seconda turbina eolica sul Col du Prorel, vicino alla prima che è stata installata nel 2018. Nel complesso, l’area avrà investito non meno di € 100.000 per convalidare la progettazione ingegneristica e la fattibilità tecnica.

Questo consente alla rete di innevamento di diventare il principale fornitore di energia elettrica rinnovabile nell’area.

Inoltre, in attesa di tutte le autorizzazioni amministrative per la costruzione prevista per il 2020, SCV-Domaine skiable ha anche investito € 200.000 per finalizzare la propria rete elettrica.

L’investimento ad oggi è stato di 635.000 €  su una previsione totale di spesa pari a di 3,6 milioni di €.

In inverno, l’energia non immagazzinabile prodotta dai pannelli fotovoltaici e dalle turbine eoliche viene immediatamente utilizzata. Precisamente per le 58 funivie, 14 sale macchine, 577 impianti di innevamento e altri edifici di servizio della zona.

 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.