Professione Montagna
Set-Ott 2022

3,00

STAI ACQUISTANDO UNA COPIA DIGITALE


Da oltre trent’anni raggiunge puntuale ogni due mesi oltre 5.000 lettori qualificati nei diversi settori della gestione e conduzione di un centro di turismo montano.

Professione Montagna tratta tutti gli argomenti riferiti agli interessi professionali ed imprenditoriali delle categorie alle quali si rivolge.

Le rubriche fisse su tutti gli argomenti più importanti, gli “speciali di approfondimento” su ogni numero e i puntuali reportages sulle fiere di settore ed i principali convegni, fanno di Professione Montagna la rivista leader del settore.

COD: EDI_D_PM_166 Categoria: Tag: ,

Descrizione

Professione Montagna Set-Ott 2022

Il numero 166 (settembre/ottobre 2022) di «professione Montagna» si apre con una dettagliata rivisitazione dell’Assemblea Generale dell’ANEF (Associazione Nazionale Esercenti Funiviari, di cui «pM» è organo ufficiale) che si è svolta a Riccione tra il 15 e il 16 settembre. Durante i lavori sono state assunte importanti decisioni per l’organizzazione che raccoglie oltre il 90% degli impiantisti italiani, la categoria che con la sua attività è il motore primario del turismo invernale trainato dalla passione per la pratica degli sport invernali e dello sci alpino in particolare. Pur in un clima reso particolarmente problematico dalle ultime scorie della pandemia e soprattutto dall’impazzimento dei prezzi per l’ energia seguito allo scoppio della guerra in Ucraina, la categoria degli impiantistica dimostrato grande unità d’intenti nell’affrontare le difficoltà per portare avanti il loro lavoro. Tre i fatti salienti: la rielezione alla presidenza dell’Associazione di Valeria Ghezzi e il rinnovo del Consiglio Generale; la firma tra ANEF e sindacati di categoria per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro; l’enunciazione di un «Manifesto per la montagna» con cui i funiviari italiani pongono dei punti-chiave nello svolgimento della loro attività imprenditoriale per contribuire a promuovere lo sviluppo della montagna all’insegna dell’impegno per evitare lo spopolamento delle terre alte e nel rispetto della sostenibilità ambientale

Nell’ormai classico spazio di Forum, alcuni impiantisti italiani rispondono alle domande che «pM» ha posto alla categoria per sondare le loro previsioni circa l’imminente inverno 2022/23 su cui incombono, oltre alle consuete incognite climatiche, le preoccupazioni per il vertiginoso aumento delle bollette energetiche.

Un ampio servizio viene dedicato al seminario dal titolo «Impianti a fune: sicurezza al top» organizzato dall’OITAF (Organizzazione Internazionale degli Impianti a Fune) durante le giornate della fiera Mountain Planet che si è svolta a Grenoble (Francia) la scorsa primavera. Quell’importante appuntamento è stato l’occasione per fare il punto sul costante processo di miglioramento degli avanzamenti tecnologici e delle misure cautelative che, tra produttori ed esercenti, tendono a garantire la massima sicurezza possibile all’utenza. Il servizio è stato costruito insieme a Mauro Joyeusaz, direttore d’esercizio della società Cervino SpA e presidente della VI Commissione dell’OITAF, che ha ispirato e coordinato il seminario con la collaborazione di numerosi addetti ai lavori.

Un altro convegno molto importante per il mondo della montagna bianca e delle società impiantistiche promosso dall’ANITIF (Associazione Nazionale Italiana Tecnici Impianti a Fune) sul tema cruciale dei sistemi di controlli sull’efficienza e l’affidabilità degli impianti. Il passaggio delle competenze dagli Uffici Speciali Trasporti a Impianti Fissi (U.S.T.I.F.) alla nuova Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture Stradali e Autostradali (A.N.S.F.I.S.A.) ha interrotto rapporti e procedure in corso da decenni e ha imposto un passaggio di consegne che richiedeva un necessario chiarimento. L’Associazione dei tecnici funiviari, protagonisti di primo piano nella gestione degli impianti, si è assunta l’incarico di rispondere a questo impegno con l’importante incontro organizzato a Orta San Giulio in concomitanza con l’assemblea annuale ordinaria.

Nella galleria delle aziende produttrici di tecnologie, macchine e attrezzature per la gestione dell’area sciabile ci sono diverse presenze e altrettante novità:
LEITNER: a soli dieci anni dalla sua entrata in funzione, uno degli impianti più famosi e frequentati della Val Gardena (la cabinovia Dantercepies) si è … rifatto il cuore installando come sistemi di azionamento due nuovi DirectDrive dell’azienda di Vipiteno che hanno sostituito i vecchi riduttori epicicloidali. L’intervento rende la cabinovia meno rumorosa, più «pulita», più «risparmiosa» e meno esposta a problematiche di usura.
DOPPELMAYR: la filiale di Lana del colosso austriaco di Wolfurt vede un 2022 ricco di nuove realizzazioni e di importanti revisioni e ammodernamenti. Nel servizio viene presentata veloce una carrellata sui numerosi interventi di Doppelmayr Italia nel territorio nazionale, che spaziano dalle semplici sciovie agli ammortamenti automatici alle grandi funivie.
DEMACLENKO: intervista a Mario Passeri, dal 2021 direttore vendite per l’Italia di Demaclenko, il marchio di generatori a ventola e di lance per l’innevamento tecnico del gruppo HTI. Grazie a macchine che hanno ottimizzato tutte le componenti per migliorare le prestazioni con minore consumo di energia e grazie ad una forte struttura commerciale e di assistenza tecnica, cresce il favore presso una clientela messa a dura prova dal caro-bollette.
TECHNOALPIN: grazie alla sua grande varietà di strumenti, il programma ATASSpro rappresenta una soluzione imprescindibile per un innevamento che contenga il consumo di energia. Il sistema è sinonimo di una produzione di neve efficiente, come dimostra la skiarea di Carosello 3000 a Livigno e come dice l’amministratore Stefano Cusini

Per la sezione «Motori sulla neve», come ogni anno il primo numero della stagione invernale dedica spazio allo «speciale motoslitte» ma non senza dedicare attenzione ai due marchi leader nella produzione dei battipista:
KÄSSBOHRER: l’azienda tedesca di Laupheim è il partner ideale quando si tratta di realizzare nei fatti la tutela dell’ambiente e la gestione delle stazioni sciistiche in chiave ecologica. Perché? Perché propone battipista con alimentazione alternativa e tre proposte come SNOWsat, ProAcademy e il carburante pulito HVO che, insieme, consentono una maggiore efficienza, un minore consumo di risorse e di emissioni di CO2
PRINOTH: i battipista del marchio altoatesino fondato sessant’anni fa da Ernst Prinoth si presentano sul mercato con soluzioni fortemente innovative, forti di avanzati servizi digitali e di propulsioni a basse e a zero emissioni. Macchine proiettate nel futuro che aiutano i comprensori sciistici a ridurre drasticamente la loro impronta ecologica.
Speciale Motoslitte 2022/23:
INTERCOM DR.LEITNER: l’azienda di Campo di Trens importa e distribuisce in Italia le macchine di Lynx e Ski-Doo, i due marchi del gruppo BRP che non smettono di stupire e si confermano leaders di mercato per tecnologia, prestazioni e soluzioni sempre più uniche nel settore utility delle motoslitte.
YAMAHA: per il prossimo inverno la gamma della Casa nipponica presenta numerose novità per confermare la completezza e l’eccellenza della propria offerta, capace di soddisfare ogni esigenza, dal lavoro al divertimento, e su ogni terreno, dalle piste battute alla neve fresca.
ALPINA: la Superclass, motoslitta bicingolo dell’azienda vicentina. è indiscussa leader nel settore «utility» per le sue straordinarie prestazioni e si è meritata l’apprezzamento ufficiale degli organizzatori delle Olimpiadi di Pechino per il lavoro svolto sulle piste dello sci di fondo e del biathlon.
R.F. MOTO: l’azienda di San Vendemiano (Treviso) è esclusivista per l’Italia dei prodotti che giungono dall’azienda canadese (ex Camoplast), leader mondiale nel settore. Sono cingoli per ATV (All Terrain Vehicle), per UTV (Utility Task Vehicle) e per snowbikes che garantiscono guidabilità perfetta nella neve alta e sui sentieri innevati non soltanto ai conducenti professionali e più esperti.

Ricca anche la tradizionale sezione «Servizi alla clientela» con una serie di aziende attive in diversi comparti utili per la gestione dei comprensori sciistici:
AXESS: con la costruzione della nuova funivia Valisera Bahn, il comprensorio sciistico del Silvretta Montafon inaugura una nuova era digitale grazie alla più recente tecnologia per gli accessi messa a punto dall’azienda austriaca di Anif che ha avuto la responsabilità di implementare un sistema integrato per la gestione di biglietteria, ingressi e parcheggi.
EUROSERVIS: il Gruppo Euroservis è la «chiave di volta» per accedere alle agevolazioni che supportano tutti gli imprenditori e operatori della montagna per programmare gli investimenti riguardanti i settori Neve e Alberghi 4.0.
TEAM SERVICE: l’azienda di Castelletto Ticino (Novara) consolida la sua presenza nel mondo nel mercato dei tappeti d’imbarco e di risalita per l’inverno ma nello stesso tempo diversifica la produzione entrando in nuovi settori come i parchi acquatici, puntando sempre sulla qualità tecnologica e su un rapporto stretto con la clientela.
ENERGIAPURA: l’azienda di Tezze sul Brenta (Vicenza) produce capi per il lavoro e lo sport con materiali riciclabili. Per gli atleti della Coppa del Mondo dove è protagonista da vent’anni, per gli impiantisti e i maestri di sci e tutti gli addetti che operano in montagna, il suo catalogo presenta soluzioni di certa affidabilità. Compresa, in questi tempi di pandemia, la mascherina FFP2 certificata.
MICROGATE: con la linea PRO SERIES l’azienda di Bolzano guidata da Vinicio Biasi lancia una nuova generazione di cronometri che rivoluziona le gare e gli allenamenti sportivi, dispositivi che sfruttano le tecnologie più moderne e innovative per garantire sicurezza, altissima affidabilità e massima precisione.
ISOPREN: nonostante gli anni difficili segnati dalla pandemia e dalla crisi energetica, l’azienda di Cusano Milanino, leader nella lavorazione della gomma, ha visto aumentare il fatturato per il settore funiviario, dove cresce la domanda per i grandi anelli e per le commesse del trasporto urbano. Il 2023 sarà l’anno dell’internazionalizzazione e del lancio dell’ITSS (l’Isopren Technical Support Services).
GEA: con la possibilità di proporre soluzioni vincenti a 360° gradi per tutte le stagioni e per tutti i clienti, l’azienda di Langhirano leader nel settore della realizzazione di allestimenti ludici ha inaugurato in estate nuove strutture e ora è pronta per proporre i suoi «classici» prodotti per la stagione invernale, dai percorsi superSLOPE ai Boomerang diventati un must per molte stazioni sciistiche.
FUCHS: la multinazionale tedesca di Mannheim ha nella sua vasta gamma di prodotti oli e grassi studiati e sperimentati per garantire l’efficienza di tutte le componenti degli impianti a fune nelle tipiche situazioni estreme dell’inverno e dell’alta montagna. Fino al 2020 erano importati e distribuiti in Italia da Welponer, oggi se ne occupa il sito italiano di Buttigliera d’Asti.

Merita una citazione il «miracolo di Bolbeno», una microstazione sciistica di bassissima quota dotata di una sola pista e di un solo impianto di proprietà del Comune e gestito dalla Pro Loco che in Trentino vive di entusiasmo e intraprendenza. È un’autentica incubatrice di nuovi appassionati, di centinaia di bambini che ogni inverno si innamorano dello sci. Il sindaco Giorgio Marchetti racconta la storia.

La nuova linea di materassi di protezione della Liski è realizzata con materiali riciclati.  Si tratta di un’altra tappa vinta dall’azienda di Brembate (Bergamo) nel suo percorso iniziato da tempo per intonare la sua produzione alle esigenze della sostenibilità ecologica. Una radicale svolta green attestata da numerose certificazioni europee che si sposa progetti di rispetto ambientale sempre più all’ordine del giorno anche in molte località sciistiche.

L’impianto sciistico e per il tempo libero di Hammarbybacken SkiStar si trova nel cuore di Stoccolma e funge da area ricreativa locale per i turisti e per il milione circa di abitanti. Grazie agli ampliamenti offerti dai prodotti della Sunkid, azienda austriaca di Imst, questo straordinario «parco» si sta trasformando in una destinazione per il tempo libero 365 giorni all’anno.

Nello studio di Nivologia che pubblichiamo in questo servizio, un grande esperto come Mauro Valt prende in esame i dati scientifici registrati sull’andamento delle precipitazioni di neve naturale durante le stagioni invernali dal 1960 ai nostri giorni. È vero che la tendenza generale nel tempo segnala una complessiva diminuzione con un corrispondente innalzamento tendenziale della quota di sciabilità; ma è altrettanto vero che in questo lungo lasso di tempo si sono verificati anche inverni molto nevosi e che la forte variabilità meteo per zone climatiche e quote non consente alcuna predizione certa per il futuro.

Insieme a SkiStar, colosso scandinavo nel mondo del turismo, dello sport e dell’intrattenimento, Neveplast, l’azienda bergamasca guidata da Niccolò Bertocchi ha portato a termine un progetto ambizioso nella capitale svedese con una pista di 500 metri realizzata sulla collina di Hammarbybacken con il NP30 Freeski Sustainable, l’innovativo materiale sintetico sostenibile che… sembra neve, su cui sciare tutto l’anno

Per l’Osservatorio Legale, l’avvocato Marco Del Zotto si occupa del caso di un ciclista che ha fatto causa al Comune di Roma per una caduta e un infortunio subiti su una strada dissestata da buche. Il Tribunale ha rigettato la domanda di risarcimento e la Corte d’Appello, a seguito dell’impugnazione da parte del ciclista, ha ribadito che il nesso causale tra la «cosa in custodia» (la strada) e il danno (la caduta e l’infortunio) vanno provate e dimostrate non prescindendo di per sé dalla responsabilità e dal comportamento dell’individuo coinvolto.

Skipass, il classicissimo Salone del Turismo e degli Sport Invernali, torna in scena nei padiglioni di Modena Fiere dal 29 ottobre al 1° novembre. Quattro giorni di una rassegna aperta al pubblico che, come ogni anno, costituisce l’ouverture della stagione 2022/23 con la partecipazione di tutti i protagonisti e gli operatori dell’universo bianco dell’inverno, dalle aziende dell’articolo tecnico e degli accessori per lo sci alle rappresentanze delle stazioni sciistiche italiane e straniere, dalle associazioni delle diverse categorie professionali impegnate sulla neve alle società di comunicazione e marketing. Partners dell’evento la FISI e il Pool Sci Italia. Tra le novità la «Libreria della montagna».