Sciare
15 novembre 2021

3,00

Lech day after, ecco il numero del 15 novembre già pronto con il report del secondo appuntamento di Coppa del mondo che ha visto la nostra Marta Bassino sfiorare il podio. Nelle pagine dell’agonismo Ninna Quario ha intervistato Marco Odermatt, il vincitore di Sölden e messo sotto torchio Alex Vinatzer con il noto alfabeto oltre che il coach Theolier per fare il punto sullo slalom maschile. E per la felicità di tanti tifosi, torna il pubblico sugli “spalti” delle gare italiane. Vediamo come si sono organizzate Val Gardena, Alta Badia e Madonna di Campiglio.

Nelle pagine di inizio rivista, spazio alle consuete rubriche tecniche, con gli interventi dei maestri di sci con Amsi e Colnaz, quindi degli sport invernali paralimpici (Fisip), dello psicologo dello sport Matteo Vagli che ci spiega come affrontare la “paura”, del traumatologo Fabio Verdoni e degli amici dell’Esercito con lo spazio Meteomont.

Focus on sull’assicurazione RC proposta dalla Fisi che a Skipass ha rivelato nuovi vantaggi compresi nel tesseramento, studiati soprattutto per i non agonisti.

Il nostro esperto di attrezzatura Geremia Vannetti vi porta nel mondo di Race Carve Pro, gli sci top per appassionati di buon livello che amano disegnare diversi archi di curva. I nostri test anche degli scarponi di questa categoria, sena dimenticare gli accessori: caschi, maschere, protezioni.

La tecnica di Sciare Campus affronta l’argomento del collegamento delle curve. La spiegazione è chiara come il verdetto: se si comprende questo concetto si è (almeno) a metà dell’opera.

Con L’Istruttore Nazionale Luigi Tacchini, nonché ex atleta, allenatore e soprattutto coordinatore dei corsi di formazione maestri della Regione Lombardia, vi spieghiamo, come mai abbiamo fatto prima, l’iter per diventare maestri, dalle selezioni all’esame finale.

Il capitolo Turismo si ampia sempre di più, ma nano che ci avviciniamo all’apertura della stagione. Così vi portiamo a spasso per le Alpi, dalla Gardena a Courmayeur, da Sestriere ad Andermatt, per fermarci sull’itinerario del Latemar che propone sei piste dagli “addominali” granitici.

Tra gli eventi spicca il format di Energiapura che al Children Series affianca anche il Kids e il master. Poi entreremo nel mondo del Gruppo Sportivo Esercito e dello sci giovanile con gli appuntamenti top della stagione.

Il “nostro” preparatore atletico Walter Stacco, ci porta con grande anticipo alle Olimpiadi, mentre Enrico Ravaschio, Assessore ai Master, racconta la “maratona” della premiazione avvenuta a Skipass di Modena. Fiera di cui vi rendiamo conto con un primo post rassegna.

COD: EDI_D_SCI_745 Categoria: Tag:

Descrizione

La redazione di Sciare magazine inizia a vivere il 1° dicembre del 1966, quando Massimo Di Marco esce con il primo numero della testata.

Nel 2002 il Direttore Massimo cede la direzione al figlio Marco Di Marco (marco@sciaremag.it) che continua a condurre la testata quindicinale, oltre che gestire il sito www.sciaremag.it e la parte “Social”.

Geremia Vannetti (geremia@sciaremag.it) è il capo redattore e oltre alla “cucina” di redazione, segue in particolare modo il settore dell’attrezzatura, della moda e cura l’annuario Guida Tecnica all’Acquisto.

L’agonismo è gestito da Maria Rosa Quario (ninna@sciaremag.it), in arte Ninna, protagonista della Valanga Rosa tra il ’79 e l ’86 come slalomista. Madre di Federica Brignone, una delle nostre numero uno della squadra Azzurra, dirige anche le prove degli sci Junior. Intervengono anche Max Blardone e Denise Karbon

La direzione tecnica è affidata a Giovanni Migliardi (migliardi@sciaremag.it) che è anche il responsabile del programma prove materiali. Giovanni è il Rettore di Sciare Campus – l’università della Tecnica

Andrea Ronchi (andrea@sciaremag.it), gestisce il settore del turismo e di tutto ciò che ruota attorno a uno degli argomenti principali della testata.

La redazione si completa poi con numerosi collaboratori esterni, come Enrico Ravaschio, padre-padrone, del mondo Master, Gianluca Grigoletto (Tecnica), Gianandrea Lecco (Freeski), Franco Gionco (Sci alpinismo), Giovanni Bruno (attualità e costume).

Segue una schiera di sciatori appassionati, ma professionisti in alcuni settori di cui firmano apposite rubriche: Walter Stacco (Preparazione atletica), Matteo Vagli (Psicologia), Luigi Borgo (letterato), Giulio Pojaghi Bettoni e Francesco Persio (Legge), Fabio Verdoni (Traumatologia), Dino Palmi (skiman), Adriano Castiglioni (scienza). Esercito italiano (Nivologia), Alberto Dolfin (Fisip), Giovanni Milazzo (Amsi), Massimiliano Alpe (Colnaz), Daniela Arsie (Senior)