Turismo

In Val d’Ega puoi avere una pista tutta per te!

Grazie all’operazione Be the first, in Val d’Ega puoi avere una pista tutta per te! Va beh, non per sempre, nemmeno per tutto il giorno, ma per la prima ora della giornata sì!

Proprio così, un sogno per chi vorrebbe – con un po’ di sano egoismo – che per una volta le piste fossero qualcosa di riservato. Qualcosa di personale, privo delle tracce del passaggio di qualsivoglia lamina.

Ecco nella altoatesina Val D’Ega questo è possibile.

Per i veri appassionati, che sognano di avere di fronte una distesa levigata e compatta, Be the first è un’ottima occasione per godersi la prima discesa su un manto bianco ancora perfettamente battuto.

Tutti i mercoledì di marzo, al prezzo di 15 euro a persona, è possibile richiedere uno straordinario pacchetto costruito ad hoc.

Comprende una prima colazione con caffè e brioche per autentici sciatori della prima ora e l’apertura esclusiva della pista alle 7:00 del mattino.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo l’incontro a valle presso il Platzl, si sale per una sciata da VIP sulla pista Oberholz in compagnia dei maestri. L’evento si chiude poi con una seconda colazione tipica al rifugio Oberholz.

Il presupposto è che lo sciatore, qualora non sia in possesso di uno skipass plurigiornaliero o stagionale, acquisti un giornaliero la mattina stessa.

Chi alla luce dell’alba preferisce le tinte calde del tramonto può invece lasciarsi incantare dall’Aperitivo Sunset, straordinaria occasione di godere della vista delle montagne dolomitiche del Catinaccio che si colorano di rosa.

Nei tre giovedì del 5, del 12 e del 19 marzo 2020, la strepitosa Laurins Lounge offre una prospettiva privilegiata sull’incredibile panorama. Che ricordiamo appartiene al Patrimonio dell’Umanità UNESCO al massimo del proprio splendore: un finale perfetto per una giornata da incorniciare.

INFO: www.valdega.com

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.