Turismo

La SkyWay si tinge di “Rosa”

Il primo dicembre ha riaperto per la stagione invernale SKYWAY MONTE BIANCO con una sorpresa colorata: una della quattro cabine rotanti sarà rosa in onore dell’arrivo della 14esima tappa del giro d’Italia. Il 25 maggio 2019 è infatti previsto un arrivo di tappa proprio alla partenza della spettacolare funivia, da qui il nome Courmayeur Skyway Monte Bianco, che per la prima volta vede una tappa prendere il nome di una funivia. Una tappa 5 stelle tutta valdostana che, nella terra delle vette che superano i 4.000 metri, non poteva che essere durissima: partenza da Saint Vincent, 4.000 metri di dislivello positivo, 131 km, salite lunghe e pendenza elevata renderanno la tratta particolarmente intensa e difficile, per un percorso davvero mozzafiato. Un’occasione unica, che Skyway Monte Bianco ha deciso di festeggiare con una cabina personalizzata in rosa che collegherà il primo tronco Courmayeur – Pavillon, la cui stazione farà da sfondo alla premiazione della tappa 14 Courmayeur Skyway Monte Bianco della manifestazione ciclistica, per la gioia di appassionati di ciclismo e turisti. Il giro d’Italia quest’anno arriva nel punto più alto d’Italia e tinge il Monte Bianco di Rosa.
Tingere lo Skyway di rosa è un modo originale, efficace e coerente per raccontare una delle tappe più attese del prossimo Giro d’Italia.” – ha detto Roberto Salamini, Head of Marketing & Communication RCS Sport. “Lo Skyway proprio come il Giro d’Italia è emozione, rispetto per l’ambiente, tecnologia e voglia di coinvolgere le persone offrendo uno spettacolo unico. Sono certo che il pubblico italiano e straniero apprezzeranno il Rosa che il Giro d’Italia e lo Skyway porteranno in questi maestosi panorami”

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.