L'alba dell'Alta Badia il 23 dicembre sarà speciale
Turismo

L’alba dell’Alta Badia il 23 dicembre sarà speciale

L’alba dell’Alta Badia il 23 dicembre sarà speciale perché si potrà sciare su piste ancora vergini prima di una ricca colazione.

Pensate che libidine. Sciare su piste ancora vergine, prima di tutti gli altri. È un’esperienza unica. Inoltre farlo nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO, sulle nevi dell’Alta Badia, rende l’esperienza diventa ancora più accattivante. Il 22 e 23 dicembre qui si sfidano i migliori atleti di Coppa del Mondo di sci alpino.

L’alba dell’Alta Badia il 23 dicembre sarà speciale

Lunedì 23 dicembre gli impianti di risalita dell’altipiano tra La Villa, Corvara e San Cassiano, apriranno i battenti già all’alba per dare la possibilità agli appassionati sciatori di vedere sorgere il sole a 2000 metri e di sciare su piste perfettamente preparate nella notte dai numerosi gatti delle nevi in attività nel comprensorio.

In abbinata, sussiste la possibilità di assaporare una ricca colazione, a base di prodotti genuini e salutari, presso i rifugi Club Moritzino, Ütia I Tablá, Ütia de Bioch, Ütia Piz Arlara e Ütia Las Vegas. Ogni rifugio sarà abbinato a un elemento base della colazione, come il latte, i cereali, le uova o la marmellata. I vari piatti proposti, sono stati creati con il supporto del nutrizionista Dott. Iader Fabbri e contengono gli ingredienti fondamentali per una colazione corretta, certificando l’apporto calorico e nutrizionale ideale di ogni tappa del percorso di colazione da un rifugio all’altro.

Ad accompagnare gli sciatori ci saranno alcuni ex atleti di Coppa del Mondo di sci.

Info e iscrizioni qui

Tags

About the author

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi è milanese di nascita e di cuore, rigorosamente a strisce rossonere. Ama lo sport in generale e da ragazzo si è cimentato in diverse discipline. Discreto tennista e giocatore di pallone, è rimasto folgorato dalle palline con le fossette in tarda età, o meglio, troppo tardi per ambire a farne una carriera ma sufficientemente presto per poter provare il brivido e la tensione dell’handicap a una cifra. La passione lo ha portato a fare del golf un lavoro e oggi, oltre a essere nel corpo di redazione della rivista Golf & Turismo, è prima firma di Quotidiano Sportivo e ospite fisso nella trasmissione televisiva Buca 9. Quando la neve copre i fairway prende gli sci, sua altra grande passione, e gira per le Alpi “costretto” dal suo ruolo di responsabile del turismo per la Rivista Sciare. È un duro lavoro, ma qualcuno le deve pur fare...