Turismo

Le misure adottate dalla Val Gardena per la stagione invernale 2020/21

Sono tantissimi gli appassionati che si chiedono come si potrà sciare all’apertura degli impianti e allora ecco le misure adottate dalla Val Gardena per la stagione invernale 2020/21.

Il comprensorio ha infatti definito i i principali criteri di sicurezza, per garantire spensierate vacanze sulla neve.

Il 5 dicembre riapriranno le piste del comprensorio sciistico Val Gardena/Alpe di Siusi e del SellaRonda, inaugurando la stagione invernale 2020/2021.

Stiamo parlando di un’area di 500 km di piste, moderni impianti di risalita, 30 km di sentieri per escursioni e 115 km di piste per lo sci di fondo, da scoprire a piedi, con gli sci o con lo slittino.

In valle si trovano 15 impianti di risalita che partono dai tre paesi e permettono di accedere al comprensorio sciistico e alle relative piste da discesa. Gli sciatori si smistano così su svariati impianti di risalita, riducendo la possibilità di affollamento.

Tuttavia, anche all’interno di un così vasto ambiente naturale non è sempre possibile evitare gli assembramenti.

Per questo motivo sono state definite le linee guida per proporre soluzioni in modo da rendere le vacanze invernali un momento alla natura, all’avventura, al riposo. Ma anche all’insegna della sicurezza e senza troppi pensieri.

Di seguito riassumiamo brevemente le misure più importanti adottate

Gestione intelligente delle code nei punti di attesa

Sanificazione quotidiana di tutte le cabine, dei WC e di altri spazi pubblici

Installazione di pareti divisorie tra clienti e personale di vendita

Maggiore frequenza di ski bus per evitare sovraffollamento

Steward’ che controlleranno e forniranno informazioni sulle misure di sicurezza in vigore

Misure protettive nelle 65 accoglienti baite con servizio al tavolo. Le grandi terrazze soleggiate offriranno, infatti, un’ulteriore spazio all’aria aperta.

Gruppi ridotti per le escursioni con ciaspole, a piedi e per le altre attività previste dal   Programma Val Gardena Active con Guide locali.

“Covid-19 Test Center Val Gardena” in valle per la valutazione casi sospetti e per il rilascio di attestazioni per il rientro a casa
Chiamata di emergenza 24h – l’elicottero del servizio di soccorso “Aiut Alpin” staziona in Val Gardena

Servizio d’emergenza che fornisce assistenza per cure e rientro a casa qualora si manifestino casi di Covid-19

Collaboratori costantemente aggiornati sulle misure Covid-19 in vigore tramite corsi di formazione interni, che indosseranmo dispositivi di protezione

Possibilità di prenotate lo skipass in anticipo e di ritirarlo con comodità e in qualsiasi orario presso il “Ticket Box”. I box si troveranno all’ingresso degli uffici skipass (lo shop online sarà attivo dal 15 novembre). Molti hotel offriranno il Servizio Skipass.

Possibilità di prenotate in anticipo l’attrezzatura sciistica, che sarà a disposizione appena arrivati. Srtessa cosa per le lezioni di sci, assicurandosi il posto in gruppi ridotti.

Condizioni di cancellazione molto flessibili per l’alloggio

Cancellazione gratuita in caso chiusura frontiere imposte dal Governo, in qualsiasi momento prima della partenza. (Si consiglia in ogni caso di attivare la nostra assicurazione viaggi con protezione Covid-19)

Rimborso completo noleggio sci e scuole di sci sino a 48 ore prima della partenza, per malati Covid-19 e accompagnatori.

Altre misure prese in caso di esibizione di certificato medico con test PCR rilasciato dal “Covid-19 Test Center Val Gardena”. È previsto il rimborso dei giorni non sfruttati di alloggio, scuola di sci e noleggio per malati Covid-19 e relativi accompagnatori.
In caso di altre malattie o di infortuni faranno fede le normali condizioni di cancellazione.

La sicurezza è però un fattore di responsabilità reciproca. Per questa ragione la Val Gardena chiede a tutti i propri ospiti di:

Tenere 1 metro di distanza rispetto alle altre persone
Indossare la mascherina protettiva su bocca e naso, indipendentemente dalla distanza minima nei seguenti luoghi.
Punti vendita di skipass.
Aree di ingresso degli impianti di risalita.
Quando si sale e si scende dagli impianti di risalita e durante l’intero viaggio.
Nelle baite e nei ristoranti (non quando siete seduti al tavolo);
nei negozi di noleggio/nei depositi di sci e nei negozi.

È altresì importante lavarsi e disinfettarsi con regolarità le mani. Gli erogatori di disinfettante sono a disposizione ovunque. Arieggiare le cabine, se possibile, durante i viaggi. E in caso di sintomi non uscire dalla stanza e avvisare la struttura ospitante.

A causa dell’attuale situazione possono subentrare cambiamenti normativi improvvisi con conseguente allentamento o irrigidimento dei provvedimenti.

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.