Turismo

Sarà mai introdotta la e-card Abruzzo?

Sarà mai introdotta la e-card Abruzzo?
Non è la prima volta che se ne parla, ma finora non si è mai arrivati a nulla di concreto: l’oggetto della discussione è la “e-card-Abruzzo”, ovvero un unico skipass regionale, usufruibile in tutte le località del territorio.

Meglio ancora, ma forse sarebbe più facile andare sulla luna, un abbonamento valido in tutto il centro Italia. Rimanendo in Abruzzo le stazioni non sono poche, Campo Felice, Passo Lanciano-Majelletta, Ovindoli, Campo Imperatore, Prati di Tivo e la zona più ampia dell’Alto Sangro che con i suoi 150 km di piste abbraccia le ski aree di Roccaraso, Rivisondoli, Pescocostanzo e Pescasseroli.

A sollecitare l’introduzione di questo “strumento” è il giornalista Enzo Santarelli, direttore di una rivista locale a Roseto degli Abruzzi, ma ancor più stra appassionato sciatore, abituale frequentatore delle piste della regione.

La ski area dell’Alto Sangro

Cosa spinge Enzo a richiedere a gran voce la E-Card Abruzzo? Alcune criticità che si sono create dai primi di gennaio in molte località sciistiche regionali. Le regole di sicurezza introdotte dalla nuova Legge 40 e le misure prese per il contenimento della pandemia hanno oltremodo evidenziato l’esigenza di adottare uno skipass unico. Specialmente nei week end, quando c’è il maggior flusso di sciatori.

Vediamo allora cosa capita e cosa potrebbe risolvere la E-card Abruzzo.
Il rispetto del protocollo anti-covid ed alcune altre norme come l’assicurazione obbligatoria – spiega Santarelli – hanno creato problemi di gestione durante il loro avvio. In più di un’occasione si sono create code piuttosto “massicce” per l’acquisto dello skipass.

Campo Imperatore

Perché? La risposta è semplice: i controlli del green pass, e l’assicurazione rct divenuta obbligatoria dal primo gennaio 2022, hanno rallentato l’emissione del biglietto giornaliero. Questo ha portato ad avere in alcune stazioni anche due ore di fila per ottenere lo skipass.

Molte situazioni in Abruzzo si sarebbero potute risolvere con l’acquisto dell’abbonamento online, unitamente all’assicurazione rct e avrebbero evitato file inutili. Non tutte le stazioni, infatti, adottano questo sistema.

Gli appassionati della montagna hanno invece dovuto pazientare oltre misura per poter accedere agli impianti, indossando mascherine fp2, senza osservare la distanza opportuna.

Prati di Tivo

Tutti in fila per il controllo del green pass e tutti in fila alla biglietteria. Chi non ha l’assicurazione e deve acquistarla, infatti, deve lasciare i propri dati ed esibire un documento di identità. Prima la situazione era decisamente più gestibile dal momento che in caso di gruppi organizzati, bastava che in biglietteria si presentasse una sola persona per tutti.

Contesti di questo tipo si verificano soltanto nei week end poiché nel corso della settimana le piste sono davvero poco frequentate.

Acquisto online
Tutto questo capita perché non vengono implementate alternative di acquisto online oltre al prezzo di listino e non si ha la possibilità di accedere all’acquisto, ad esempio del giornaliero per convenzionati (sci club, gruppi, ecc), così come di ottenere l’assicurazione per un giorno.

E-Card ricaricabili
A questo è doveroso aggiungere che uno sciatore della domenica che ama sciare in località diverse del territorio, dovrebbe conservare  6/7 e-card ricaricabili. Ogni stazione, infatti, ha il suo gestore con lettura e controllo accessi diversi e questo non permette di avere una unica “e-card Abruzzo”.

Pertanto, capita di averle tutte a eccezione di quella della stazione sciistica raggiunta in un dato giorno e dover essere costretti ogni volta a un nuovo acquisto. Il problema potrebbe essere risolto con una concertazione di tutte le stazioni per trovare una soluzione ed evitare ogni volta, sostanzialmente per dimenticanza, di dover pagare 2 euro per ottenere una nuova e-card.

In molti posti sulle Dolomiti ormai adottano la card usa e getta, visti anche i costi dello skipass! In Abruzzo questo non succede. La devi tenere per poterla ricaricare la volta successiva. Se la perdi, la dimentichi oppure ti rechi una località differente, devi riacquistarla.

Voi direte che saranno mai 2 euro? Probabilmente poco o nulla, ma non mi sembra che i gestori ci abbiano rinunciato! Tale riflessione non vuole essere una polemica, ma ha l’ambizione di essere una piccola analisi costruttiva. Affinché possa spronare i gestori e la politica del turismo regionale a dare maggiori e più efficienti servizi, alcuni ormai obbligatori. L’introduzione della e-card Abruzzo porterebbe vantaggi ineccepibili a tutta la filiera.

Conclude Santarelli: “Le nostre montagne, le nostre ski aree offrono contesti meravigliosi. Presentare un’offerta turistica unica, vedi Dolomiti Superski, non può che portare benefici e un’immagine positiva quanto moderna. È solo tutta una grande illusione?”. sarà introdotta e-card abruzzo sarà introdotta e-card abruzzo

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.