Mondiali Master: Corsi è ancora d’oro

Di Enrico Ravaschio - Foto e Grafica Dolomiti

Alla bellezza di 86 anni, Alberto, ossolano, vola ancora sul gradino più alto del podio di Big Sky (USA), questa volta in slalom

Mondiali americani, oggi si è corso il gigante del gruppo C, con 9 italiane in gara e lo slalom del Gruppo B.
Cominciamo con le donne, per loro nessun oro ma non disperiamo perché sono arrivati tre bronzi, in un mondiale chiaramente dominato dalle atlete di “casa” è una nota di merito e, sul merito delle nostre, non ci sono dubbi.

Anna Fabretto Martinelli

Queste le medagliate: Anna Fabretto Martinelli (per lei è la terza), Helga Runggaldier e Marina Capretta, forse soddisfatta dell’argento in SG.Due medaglie di legno per la nostra Doranna Melegari (+ 43 centesimi) e Roberta Persico (+ 53 centesimi), un vero peccato per due atlete capaci e meritevoli. Un “bentornata” a: Ester De Marchi che ha scelto il mondiale per il suo rientro agonistico dopo il forzato stop.
Slalom per i maschi over 55, con 143 concorrenti dei quali 14 italiani. Il migliore de nostri è stato ancora una volta e per la terza volta: Alberto Corsi, uno splendido oro conquistato con un distacco esagerato sul secondo. Bellissimo argento per: Marco Novaglio, miglior tempo nella seconda prova, medaglia voluta e meritata. Due quarti posti “dolorosi” perché Bruno Pachner e Hermann Oberlechner sono atleti di livello mondiale ma, la seconda di Bruno e la prima di Hermann, ne hanno pregiudicato il risultato. Sempre nelle parti alte delle classifiche Massimo Panzani a cui manca poco per il vertice, lo aspettiamo la prossima stagione. Mancano ancora il gigante del Gruppo A, poi si potrà trarre un bilancio che già da adesso si può considerare positivo.

Marco Novaglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA 23 marzo 2018
Tags
Ultimi articoli