Holdener batte Vlhova

Di Marco Di Marco

L’elvetica conquista l’oro in combinata per 3 centesimi su Petra. Il bronzo va alla norvegese Ragnhild Mowinckel, Brignone chiuse sesta

Forse per andare più veloce ha bisogno della presenza di Mikaela Shiffrin. Ma l’americana aveva scelto di non partecipare alla combinata e Petra Vlhova si è trovata lì da sola, con un’unica sfida, Wendy Holdener che quest’anno ha battuto quasi sempre. Morale: Holdener la castiga per tre centesimi. Infatti la slovacca è stata più veloce di lei ma per soli 27/\100 quando la differenza tra le due dopo la discesa era di 3 decimi.

Una vittoria che Wendy commenta così al microfono di Ninna Quario: “Ho amato questa pista fina dal primo giorno, la discesa mi ha dato sensazioni bellissime, in slalom sapevo che battere Petra sarebbe stato difficile ma ho attaccato a tutta e per un pelo ce l’ho fatta. Bello confermarsi a due anni dal titolo di St. Moritz!

Al terzo posto la norvegese Ragnhild Mowinckel che ha stupito tra i rapid gates così come Petra e Wendy lo hanno fatto in discesa. Un decimo di vantaggio per lei nei confronti di Ramona Siebenhofer che aveva vinto la discesa finita al quarto pèosto dopo i rapid gates. Federica Brignone ha concluso al sesto posto, perché non è riuscita a compiere quella manche di slalom indimenticabile che serviva per vincere il bronzo. Invece è stata superata anche dalla canadese Remme che ha recuperato 23 posizioni, considerando però che 5 non si sono presentate al via. L’Azzurra com’era lopgico attendersi, non l’ha presa proprio bene “Sono delusissima, non sono riuscita a fare velocità nel tratto centrale della pista, peccato perché la discesa era andata molto bene e potevo giocarmela davvero, ci credevo, ai precedenti grandi eventi di combinata avevo sempre sbagliato la discesa, stavolta dopo quella ero lì, vicina, ma ho perso tutto in slalom. Mi spiace…”

Riguardo alle altre due azzurre. 12esimo posto per Nicol Delago e 13esimo per Marta Bassino

© RIPRODUZIONE RISERVATA 08 febbraio 2019
Tags
Ultimi articoli