RaidLight winter trail a prova di freddo
AlpStyle

Con RaidLight winter trail a prova di freddo

Sempre più frequentemente si vedono persone correre in inverno. Con RaidLight le winter trail saranno a prova di freddo.

I veri intenditori apprezzano di più correre in una giornata nella natura addormentata, magari anche spruzzata di bianco, che sotto il sole canicolare dell’estate. Però è importante avere le giuste scarpe e soprattutto il corretto abbigliamento. Per combattere il freddo ma lasciare traspirare la pelle, perché lo sforzo fisico produce sempre calore. Ecco dunque qualche suggerimento all’insegna del motto che RaidLight, il marchio francese da sempre specializzato nel trail running, ha adottato per l’inverno 2019/20: fight the cold!

RaidLight, l’abbigliamento a prova di freddo

La maglia Wintertrail (90 euro) a maniche lunghe è in caldo Thermofleece e permette di allenarsi con temperature più fredde. Realizzata in tessuto elasticizzato con morbido interno spazzolato, offre anche una buona traspirabilità. Il taglio sagomato, il collo alto con zip e le maniche lunghe con mezziguanti e passanti per il pollice, garantisce un’ottima aderenza al corpo. È un modello altamente pratico grazie alle due tasche laterali richiudibili con patta, in cui riporre il telefono o uno snack. Non mancano rinforzi in silicone sulle spalle, fischietto e clip per tubo di idratazione integrati, stampe riflettenti, proteggi mento.

Sotto ci sono i tight Wintertrail (90 euro), sempre in Thermofleece, il cui tessuto elasticizzato e interno spazzolato regala una sensazione di morbidezza e assicura un apporto di calore ottimale, garantendo al contempo una buona traspirabilità. Offrono ancora maggior protezione grazie ai rinforzi in silicone su tibie e ginocchia e hanno due ampie tasche in rete richiudibili con patta e una tasca sul retro con chiusura a zip per il telefono. Entrambi i capi sono disponibili anche in versione femminile.

Per la protezione dagli elementi c’è invece la Top Extreme MP+ (180 euro) dal peso di soli 220 grammi (190 quella da donna), impermeabile (15K/15K) e altamente traspirante anche durante l’esercizio. Versatile e leggera, questa giacca offre un comfort eccezionale grazie alla membrana MP+ R-Light e agli inserti specifici MP+ Ultra-Protect che si traducono in maggiore libertà di movimento.

Per le condizioni più estreme e attività ad alta intensità prolungata nella wilderness invernale però il capo perfetto è la Raidshell MP+ Jacket (195 euro), disponibile solo in versione men, con membrana MP+ Wintertrail da 140g/m2 completamente impermeabile. È comprimibile, ha dettagli in silicone e cappuccio ergonomico con visiera. Per lasciare il freddo e il vento fuori!

Per i dettagli ecco il sito ufficiale

About the author

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi è milanese di nascita e di cuore, rigorosamente a strisce rossonere. Ama lo sport in generale e da ragazzo si è cimentato in diverse discipline. Discreto tennista e giocatore di pallone, è rimasto folgorato dalle palline con le fossette in tarda età, o meglio, troppo tardi per ambire a farne una carriera ma sufficientemente presto per poter provare il brivido e la tensione dell’handicap a una cifra. La passione lo ha portato a fare del golf un lavoro e oggi, oltre a essere nel corpo di redazione della rivista Golf & Turismo, è prima firma di Quotidiano Sportivo e ospite fisso nella trasmissione televisiva Buca 9. Quando la neve copre i fairway prende gli sci, sua altra grande passione, e gira per le Alpi “costretto” dal suo ruolo di responsabile del turismo per la Rivista Sciare. È un duro lavoro, ma qualcuno le deve pur fare...