L'autunno di Asiago
AlpStyle

L’autunno di Asiago

L’autunno di Asiago è alla ricerca dei colori, dei sapori, dei profumi della montagna.

Questa è la stagione perfetta per scoprire Asiago, facendo trekking, dedicandosi alle escursioni o pedalando in mountain bike sui sentieri dell’altipiano, tra cime, pascoli e foreste.

Si tratta di una montagna facilmente raggiungibile dalla pianura e di un luogo fatto di autenticità, ritmi differenti, panorami selvaggi.

In autunno la montagna offre i suoi doni migliori, le tinte calde, l’arancio, il giallo, il porpora, i funghi, i formaggi di malga e molte altre prelibatezze.

Ciascuna si può scoprire approfittando degli eventi e delle sagre che scandiscono il calendario.

L’autunno di Asiago, alcuni appuntamenti

La Fiera di San Matteo – il 21 settembre le vie centrali ospiteranno un grande mercato all’aperto. L’atmosfera di festa contagerà grandi e piccoli, con gli stand di abbigliamento e prodotti, i dolci, la musica, le animazioni. La settimana dopo è quella della transumanza: il 27 settembre le mandrie sfileranno in centro tra due ali di folla, ricevendo il tradizionale campanaccio, la “ciocca”, simbolo di buon auspicio.

Asiago Foliage – il culmine del concorso di fotografia sarà la festa che si terrà nel weekend di sabato 19 e domenica 20 ottobre, nelle vie e nelle piazze del centro. I ristoranti e i negozi proporranno menù e offerte a tema, e verranno organizzati laboratori creativi, degustazioni, una mostra mercato di artigianato artistico, concerti, convegni, rievocazioni dei mestieri della montagna.

Tra passeggiate, escursioni e gite in mountain bike, l’autunno di Asiago è una continua scoperta, con i suoi 700 km di percorsi.

Inoltre sentieri, mulattiere, itinerari di varia difficoltà da esplorare con il binocolo al collo, per osservare gli animali.

Con un pizzico di fortuna si possono sentire i bramiti dei cervi in amore.

Intorno alla montagna si articolano anche proposte artistiche e culturali come il SelvArt, un parco naturale ricco di arte contemporanea e installazioni permanenti, il Parco del Sojodi Lusiana, l’area naturalistica dedicata alla tutela dell’ambiente e all’arte contemporanea, e il Sentiero del Silenzio – Porta della Memoria, che accoglie opere d’arte contemporanea immerse nella natura selvaggia.

Info: www.asiago.it

Tags

About the author

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi è milanese di nascita e di cuore, rigorosamente a strisce rossonere. Ama lo sport in generale e da ragazzo si è cimentato in diverse discipline. Discreto tennista e giocatore di pallone, è rimasto folgorato dalle palline con le fossette in tarda età, o meglio, troppo tardi per ambire a farne una carriera ma sufficientemente presto per poter provare il brivido e la tensione dell’handicap a una cifra. La passione lo ha portato a fare del golf un lavoro e oggi, oltre a essere nel corpo di redazione della rivista Golf & Turismo, è prima firma di Quotidiano Sportivo e ospite fisso nella trasmissione televisiva Buca 9. Quando la neve copre i fairway prende gli sci, sua altra grande passione, e gira per le Alpi “costretto” dal suo ruolo di responsabile del turismo per la Rivista Sciare. È un duro lavoro, ma qualcuno le deve pur fare...