AlpStyle

Valentina Tomirotti in vetta al Lagazuoi con la sedia a rotelle

Valentina Tomirotti ha affrontato un viaggio di 3000 metri con la sua sedia a rotelle partendo da Mantova e arrivando alla croce del Monte Lagazuoi.

Missione compiuta per “Pepitosa“, inarrestabile giornalista che lotta per l’inclusione delle persone con disabilità.

Una storia, quella di Valentina Tomirotti sul Lagazuoi, che dimostra come a differenza delle città, spesso ostaggio delle barriere architettoniche, la montagna possa essere la casa di tutti.

Sarà che di fronte a un panorama come questo le prospettive si allargano, le differenze si ridimensionano e ci si sente tutti ugualmente minuscoli e grati per il semplice fatto di essere lì.

La giornalista, blogger e digital storyteller è partita dalla sua città, Mantova, altitudine 19 metri sul livello del mare, alla volta di Cortina, guidando la sua nuova auto, un modello ad alta tecnologia che possiede una caratteristica che farà scuola: permette di salire a bordo senza scendere dalla carrozzina. Una prima tappa “on the road” che l’ha condotta a Falzarego, 2.100 metri di altitudine, stazione di partenza della funivia Lagazuoi.

Salita in cabina, in pochi minuti è arrivata alla stazione di arrivo, alle 10 in punto, grazie all’impianto recentemente rinnovato e completamente accessibile, con rampe e ascensore panoramico.

Le tecnologie di ultima generazione sono state messe al servizio dell’idea secondo cui la montagna debba essere alla portata di tutti.

Qui Valentina ha trovato il Lagazuoi EXPO Dolomiti, uno spazio polifunzionale completo di polo espositivo e porta d’accesso per uno degli angoli più belli delle Dolomiti.

Valentina ha quindi proseguito fino alla croce sulla vetta del Lagazuoi, a 2778 metri, percorrendo un sentiero in ghiaino inaugurato l’estate scorsa, grazie alla sua pendenza massima del 10% è adatto a essere percorso in sedia a rotelle.

Dopo questa immersione nella natura Valentina Tomirotti è ridiscesa, alle ore 18.30, in pieno centro di Cortina, per presentare il suo libro “Un altro (d)anno”.

L’occasione per raccontare i progetti futuri riguardanti il turismo accessibile e puntare i riflettori sul diritto di vivere mille avventure in giro per il mondo, a partire dalle Dolomiti.

Tags