Gare

Beijing discesa: Goggia velocissima, Marsaglia più veloce di Curtoni

Beijing discesa: Goggia velocissima, Marsaglia più veloce di Curtoni.
Ancora buone notizie da parte di Sofia Goggia dopo la seconda e ultima prova della discesa femminile di domani. L’Azzurra realizza il quarto miglior tempo, ma al di là del responso cronometrico, ha dimostrato di aver già capito quasi tutto di questa pista che ha affrontato con una decisione incredibile.

Questo vuol dire tanto ma non tutto, perché altre atlete hanno dimostrato un ottimo feeling con il tracciato. In particolare l’elvetica Johana Haehlen che realizza il miglior tempo fissando il cronometro a 1’33″18.

23 i centesimi di vantaggio sulla tedesca Kira Weidle che una decina di metri prima del traguardo si alza. Anche la norvegese Ragnhild Mowinckel ha sciato molto bene, concludendo a 59 centesimi da Haehlen, 2 centesimi prima di Sofia.

Una prova comunque in modalità gara per tante considerando che svizzere e austriache erano in qualifica interna, quindi non potevano certo scendere soltanto per studiare le traiettorie. Il tempo di Johanna ne è la prova più lampante.

Nel lotto delle pretendenti, stando al training, entrano di diritto anche Ester Ledecka, settimo tempo, Priska Nufer e Tamara Tippler.

Per noi rimane da capire chi affiancherà Sofia Goggia e Nadia Delago nella gara di domani. La Fisi aveva dichiarato che la scelta non sarebbe dipesa dal training di oggi, ma solo per scelta tecnica. Ma non ce la contavano tanto giusta, perché se il risultato della prova di oggi avesse dato esiti diversi…

Comunque sia le carte si sono mescolate ancora di più: Nicol Delago (+1″62) fa segnare il terzo tempo tra le nostre, che potrebbe anche essere considerato il secondo per il fatto che Nadia (sesta) ha saltato una porta guadagnando tantissimo. Poi c’è Francesca Marsaglia (+1″63)  che dunque si piazza davanti a Elena Curtoni (+1″79) di 13 centesimi. Nessuna speranza, invece, per Federica Brignone (+2″70) e Marta Bassino (+3″56) , tra le peggiori delle prime trenta scese.
Non ci resta che attendere…

In chiave combinata, stando alle prove, Michelle Gisin rimane la maggiore indiziata per il gioco medaglie. Michaela Shiffrin ha chiuso con un gap di 1″40, mentre sappiamo che Petra Vlhova è già tornata a casa. Brignone e Bassino dovranno studiare un po’ meglio le linee della discesa perché hanno mostrato indubbie difficoltà sia l’altro ieri che oggi. Già sappiamo che nei tratti di maggior scorrevolezza pagheranno rispetto a tante, potranno invece difendersi nei  passaggi più tecnici dove oggi, però, non hanno azzeccato.

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment