Gare

Bertagnolli-Ravelli vincono ancora, battuti gli austriaci in gigante

Bertagnolli-Ravelli vincono ancora, battuti gli austriaci in gigante.
Ancora un trionfo per la magica coppia Giacomo Bertagnolli e la guida Andrea Ravelli che si sono imposti nello slalom gigante di Coppa del Mondo a Steinach am Brenner, in Austria.

Si trovavano in terza piazza al termine della prima manche, ma poi nella seconda hanno portato a termine una discesa perfetta! Superiore al secondo il vantaggio parziale sull’austriaco Michael Scharnagl che aveva chiuso la prima con un vantaggio di 51 centesimi sugli Azzurri, terzi, dietro anche all’altro austriaco Johannes Aigner.

Poi è venuta fuori il temperamento dei due atleti del gruppo Sportivo Fiamme Gialle che non si danno mai per vinti: 1″08 a Michael, 1″69 a Johannes.

Abbastanza netto il divario totale con Michael Scharnagl che nel computo delle due manche è secondo a +0,57. Più staccato Aigner, terzo a +1’40.

Abbastanza attardati i due forti rappresentanti della Repubblica Ceca, eterni rivali (sportivi) della coppia azzurra, Jakub Krako e Miroslav Haraus, rispettivamente quarto a +4″38 e quinto a + 5″62. Nelle due gare di slalom dei giorni precedenti, avevano concluso al terzo posto il primo, rifacendosi poi nel secondo conquistato più o meno allo stesso modo di oggi. Bertagnolli-Ravelli vincono ancora

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.