Gare

La “lezione” speciale degli allievi maestri del Veneto sulla Olympia delle Tofane

La “lezione” speciale degli allievi maestri del Veneto sulla Olympia delle Tofane.
In pista per la tre giorni di Coppa del Mondo a Cortina anche il Collegio regionale maestri di sci Veneto e le scuole sci – A collaborare con Fondazione Cortina per la tre giorni di Cortina Ski World Cup in pista ci sono anche la Scuola sci Cortina, la Scuola sci Azzurra Cortina, la Scuola sci Cristallo e la Scuola sci Snowdreamers.

Il Collegio regionale maestri di sci del Veneto ha inviato in pista 54  allievi maestri che stanno frequentando il corso 2022-2023 e che per tutta questa settimana sono impegnati in pista come “lisciatori” sulla Olympia.

A loro, cioè, è affidato il compito di “sistemare” la neve a ogni passaggio nei diversi punti critici per garantire un tracciato sempre perfetto tecnicamente e al massimo della sicurezza.

Si tratta anche questo di un percorso formativo che certo, esula dall’imparare l’abc del mestiere, ma in un contesto come questo si entra in un clima di grande responsabilità, si impara a fare squadra e a risolvere i problemi all’istante. Gli appassionati non se ne accorgono. Vedono l’atleta, il cronometro e il risultato. Tutto sfreccia a cento all’ora, ma non è proprio così. Prima e durante la competizione c’è un lavoro nascosto pazzesco e basta un solo errore del singolo per creare n problema grande.

«È per noi un orgoglio poter collaborare con Fondazione Cortina per un evento così prestigioso» ha detto il presidente del Collegio regionale maestri di sci del Veneto, Luigi Borgo. «Per i nostri allievi maestri, che con questa esperienza sulla Olympia di fatto completeranno e termineranno il loro percorso formativo, queste giornate a lavorare per le gare di Coppa del mondo costituiscono una notevolissima esperienza che potrà rivelarsi preziosa nel loro cammino professionale. Non dimentichiamo lo stretto legame che, da sempre, c’è tra un maestro e un campione: dietro un campione c’è sempre un maestro che lo ha fatto crescere. Non dimentichiamo poi come maestri, atleti e organizzatori costituiscano una “catena” fondamentale nel sistema economico legato alla montagna».

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment