Attrezzatura

Diventa Skiman, la manutenzione dello sci

Ultimo appuntamento (per ora) con Diventa Skiman dedicato alla Manutenzione dello sci. Dove, per manutenzione dello sci, dobbiamo intendere la manutenzione periodica (ogni volta che si va a sciare) e manutenzione stagionale.

La manutenzione periodica prevede il ripristino dello spigolo delle lamine quasi sempre con le lime diamantate. Questo permette di eliminare eventuali sbavature dovute ad attriti su neve dura o ghiaccio.

Questa attività permette anche di continuare a lucidare le lamine rendendole più scorrevoli e resistenti all’abrasione.

Anche la soletta deve essere sciolinata per avere una maggior scorrevolezza che si traduce in maggiore sicurezza nella sciata.

La manutenzione periodica deve prevedere anche il ripristino dello spigolo superiore dello sci che si deteriora a causa degli urti fra gli stessi,. Tali sbavature creano attriti quando gli sci sono in curva creando così una sorta di instabilità e mancanza di precisione avvertibile anche da sciatori poco esperti.

La manutenzione stagionale non è altro che la ripetizione della manutenzione periodica con l’aggiunta dello scarico delle molle dell’attacco. Questo particolare dovrà essere ripristinato a inizio stagione.

È da evitare assolutamente la sciolinatura con il ferro per depositare sciolina sulle lamine. Si pensa di proteggerle dalla ruggine, in realtà cosa accade? Che la sciolina resa liquida col ferro crea le condizioni ottimali di umidità che farà arrugginire le lamine.

Una buona pulizia dell’attacco con un pennello dedicato per togliere eventuale polvere e terra si procederà poi spruzzando un prodotto siliconico tipo il lucida cruscotti per auto.


GUARDA GLI ALTRI ARGOMENTI TRATTATI DI DIVENTA SKIMAN
Come si regolano gli Attacchi –  Come si ripara uno sciLe LamineL’Attrezzatura per iniziarePulizia soletta e sciolinaturaL’importanza dell’improntail lavoro sulle macchine, spianatura e impronta

Diventa Skiman la manutenzione

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.