Notizie

Il 15 maggio la Fisip si riunisce in Assemblea Elettiva. Dopo 3 mandati, Tiziana Nasi deve lasciare la presidenza

Il 15 maggio la Fisip si riunisce in Assemblea Elettiva. Dopo 3 mandati, Tiziana Nasi deve lasciare la presidenza.
Domenica prossima 15 maggio, la Fisip si riunirà in Assemblea elettiva. Conclusi i tre mandati, il Presidente Tiziana Nasi deve obbligatoriamente lasciare l’incarico.

I votanti dovranno scegliere anche il nuovo Consiglio, attualmente composto Raffaele La Placa (vicepresidente), Matteo Conterno, Paolo Tavian, Achille Crispino (rappresentante atleti), Pamela Novaglio (rappresentante atleti), Manuele Lambiase (rappresentante tecnici). Il segretario federale (senza diritto di voto) è Giorgio Viterbo.

Ed è proprio all’interno del Consiglio che si dovrà guardare per stabilire chi condurrà per il prossimo quadriennio la Federazione Italiana Sport invernali paralimpici, dal momento che si sono messi in gioco Raffaele La Placa e Paolo Tavian.

Il primo, avvocato di Torino, è entrato in Consiglio già nel 2014, Il secondo, friulano, anche lui da una vita protagonista dello sport paralimpico, nonché presidente del Comitato organizzatore dei Mondiali di Tarvisio del 2017. Per entrambi si tratta di un’eredità certamente non facile da raccogliere.

Tiziana prese in mano 12 anni fa un movimento praticamente sconosciuto dalla massa degli appassionati della neve portandolo sotto i riflettori delle cronache dei grandi media. La federazione si costituì proprio con lei in quel di Bagni di Tivoli nel 2010. Da allora, un lavoro che ha consentito di allargare notevolmente il numero degli atleti e dei tecnici, autori di capolavori agonistici sfociati in un bel bottino di medaglie sia ai Mondiali che alle Paralimpiadi. Solo a Sochi 2014 non si raccolse niente e per tale delusione Tiziana aveva anche pensato di lasciare. Luca Pancalli, Presidente del Cip, la convinse a rimettersi sotto garantendo anche un maggiore supporto istituzionale. I risultati sono lì da vedere con i trionfi di Pyeongchang e di Pechino.

Ma ora è tempo di pensare al futuro perché tra quattro anni si giocherà in casa. Altro motivo per scrivere un progetto importante che certamente sia La Placa che Tavian sono in grado, grazie all’esperienza maturata sul campo, di portare avanti.

Ci saranno diversi cambiamenti anche nel nuovo Consiglio.  Otto i candidati per cinque posti: Daniela Castelli, Matteo Conterno, Achille Crispino, Pierangela Ferrando, Alex Furlan, Maurizio Marcon, Manuele Michieletto e Francesca Zepponi.

Altri due posti sono riservati ai rappresentanti degli atleti e uno a quello dei tecnici. Per queste due fasce Alessandro Daldoss, Christian Lanthaler, Pamela Novaglio e Ylenia Sabidussi si sono messi a disposizione per gli atleti. Mentre Barbara Milani si propone come alternativa Manuele Lambiase tra i tecnici. La presidenza del collegio dei revisore dei conti non vivrà sfide dal momento che Enrico Maria Vidali è l’unico candidato.

Considerando le 19 società che hanno diritto di voto, in ballo ci sono una cinquantina di preferenze. Per la presidenza, i tecnici e gli atleti si potrà esprimere un solo voto. Per i 5 consiglieri laici si può arrivare fino a 4 preferenze, considerando che per la rappresentanza degli atleti saranno nominati una donna e un uomo.

L’appuntamento è per il 15 maggio presso il Centro Pavesi di Milano, casa della federazione Italiana Pallavolo.

Le 19 Società chiamate a votare: SKI PASSION ASD, SCI CLUB DRUSCIE CORTINA, BOB CLUB CORTINA, IN2THEWHITE, POLISP. DISABILI VALCAMONICA,  G.S. DISABILI ALTO ADIGE A.S.D, Asd DISCESALIBERI, POLISPORTIVA P.A.S.S.O., SPORT x ALL HANS ERLACHER TEAM asd, SD SCI CLUB PARALIMPIC CIMONE, GRUPPO SPORTIVO PARALIMPICO DIFESA, A.S. SPORTABILI ONLUS , GRUPPO SCIATORI FIAMME GIALLE, ASD SPORT DI PIU’ , A.S.D.POLISP. U.I.C.I. TORINO ONLUS, SCI CLUB SPORTINIA ASD, REERIDER ASD, POLHA VARESE e ASD BRAINPOWER. Il 15 maggio la Fisip

QUI in documenti ufficiali relativi all?Assemblea elettiva

Tags

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment